Le ultime vicende socio-politiche che vedono coinvolte – a vario titolo la RUSSIA, ma non soltanto,- inducono ad una approfondita riflessione concernente un pericolo autocratico da ritenere realistico. La rielezione plebiscitaria di Vladimir Putin si è manifestata come una procedura burocratica priva di alternativa e, pertanto,è del tutto inutile. Laddove sono presenti sistemi autoritario-corporativi non può svilupparsi e maturare democrazia alcuna. L’assenza di una organizzazione giudiziaria indipendente e la non esistenza di possibilità di  accesso ai media  colora il quadro complessivo di tinte molto fosche. In queste condizioni un qualsivoglia tentativo di aggregazione di massa non può esistere se non dettato coercitivamente. Su tutto questo poggia l’essenza del disegno complessivo di Vladimir Putin di riportare la nazione russa ad un rilevante ruolo internazionale come avveniva quando e fintanto che è esistita l’Unione Sovietica. Il consenso interno, reale o fittizio che sia, attorno all’invasione dell’Ucraina e, precedentemente, dell’annessione della Crimea ne costituisce la plastica rappresentazione.  La base su cui si regge l’odierna situazione è costituita dal terrore rivolto verso gli stessi cittadini russi  che traspare da ogni iniziativa.

La gente è immobilizzata dalla paura.

Il quadro delle relazioni internazionali del resto non induce a particolari forme di ottimismo. La strage rivendicata dall’ISIS in un teatro di Mosca con più di 140 vittime pone ancora una volta la presenza dell’organizzazione islamista al centro dello scenario internazionale. L’evento terroristico, preventivamente segnalato da Gran Bretagna e Stati Uniti conferma, prima di tutto,  la certezza che nessuna capitale europea può essere considerata città sicura.

Oltre a ciò è evidente il tentativo russo di porre la nazione di Zelenskj tra i responsabili di quanto accaduto, ma, in realtà,  rifuggendo dalla solidarietà internazionale, questo attacco verrà utilizzato in maniera strumentale allo scopo di accrescere la repressione interna ed intensificare nel contempo all’esterno il conflitto con l’Ucraina.

Tuttavia, si finge di dimenticare come proprio la Russia abbia guardato anche recentemente con indulgenza al ruolo dell’IRAN in versione antistatunitense e storicamente si sia impegnata nel sostenere dapprima la guerra in CECENIA ed, in tempi diversi, in SIRIA il sanguinario regime autoritario di ASSAD.

Per contro, la recente presidenza francese dell’Unione Europea si è rivelata fallimentare, e la stessa aggregazione continentale ha tergiversato nell’assumere una dura posizione rispetto agli sviluppi del conflitto russo-ucraino e verso le pericolose potenze autocratiche. Che dire poi del ruolo internazionale esercitato rispetto agli attuali conflitti bellici in aree cruciali del pianeta dalla CINA e dall’IRAN o, in ambito europeo dalla TURCHIA?

Tutti regimi che hanno, purtroppo, un comune denominatore. Essere cioè delle autocrazie autoritarie. Ci salvermo in quanto democrazie europee da tutto questo?

ANDREA G. STORTI